TORRITA DI SIENA
La frazione Montefollonico


tor_comune.jpg (29073 byte)
Palazzo Comunale

tor_chiesa.jpg (28332 byte)
Chiesa SS.Flora e
Lucilla


tor_portagavina.jpg (32348 byte)
Porta Gavina

tor_portanuova.jpg (37984 byte)
Porta Nuova

tor_portaapago.jpg (34321 byte)
Porta a Pago

tor_portasole.jpg (22022 byte)
Porta a Sole

 

 Del nome di Torrita si ha notizia da un codice amiatino risalente all' XI secolo. (Approfondimenti)

Come gli altri castelli del sud senese fu sotto il dominio della Repubblica di Siena sin dall'inizio del 1200, a difesa dei confini meridionali dello Stato senese minacciato dai Fiorentini che avevano in Montepulciano il loro estremo baluardo.

Le  mura, che risalgono al XIII, erano formate da una cinta muraria con nove torri e tre porte: Porta a Gavina, Parta a Pago, Porta a Sole. A seguito di episodi bellici  furono più volte danneggiate; nel 1528 la loro ricostruzione fu eseguita su progetto dell'architetto Baldassarre Peruzzi. 

Nel 1557 a seguito della sconfitta subita da parte di Carlo V alleato di Firenze, venne definitivamente occupata da parte degli eserciti imperiali ed entrò a far parte del Granducato di Toscana.


Una visita lungo le mura

Il visitatore oltrepassando la Porta Nova giunge in Piazza Matteotti, con al centro l'antica cisterna, che si trova in posizione centrale rispetto all'organismo urbano cruciforme. Sulla piazza si affacciano il turrito Palazzo Pretorio del  XIII secolo, oggi sede del Comune dove risiedevano sin dal 1266 il Podestà e gli Ufficiali del Comune di Siena e  la romanica chiesa del XIV sec. ad una sola navata delle SS. Flora e Lucilla. All'interno sono conservate tavole su cui hanno operato gli allievi del Sodoma quali Benvenuto di Giovanni e Bartolo di Fredi. Attiguo alla chiesa il teatro Comunale "degli Oscuri" del XVII sec.. 

Tra i monumenti più significativo da citare la chiesa di S.Croce del XVII sec. con facciata in cotto rosso e l'interno in stile barocco. La Chiesa parrocchiale di San Martino e Costanzo costruita intorno al 1631 e divenuta Collegiata nel 1648 con all'interno conservata la "campana grossa", risalente al 1454 e un organo tardo barocco.

 Il piccolo oratorio dedicato alla Madonna delle Nevi, eretto fuori dalle mura nel 1525 quale voto fatto dai torritesi alla Madonna allorchè una grave pestilenza afflisse la Comunità. All' interno sono conservate pitture attribuite a Girolamo di Benvenuto. 

La Chiesa della Madonna dell'Olivo, la più antica del paese risalente al 1000, situata su una collina di fronte a Porta a Pago e, sembra, costruita sui ruderi del tempio dedicato alla Dea Cerere.

La Chiesa della Madonna delle Fonti a Giano, poco fuori dal paese, costruita nel 1665 in ricordo dei prodigi fatti dall'immagine della Madonna delle Fonti. La Chiesa della Madonna del Rosario sorge al centro della nuova zona residenziale.

Le porte di accesso: Porta Gavina, la più antica, con il portone ligneo  risalente al 1200, recentemente restaurato. Porta a Pago il cui nome si fa derivare da "pagum", antico villaggio che sorgeva nella collina vicina, ma anche al pagamento del dazio sulle mercanzie. Fuori dalla cinta muraria si trova Porta a Sole con il grande piazzale del "Gioco del Pallone", ove si giocava a tamburello. Porta Nuova aperta nel tratto ovest delle mura nel 1800.

Sulla strada che conduce a Montepulciano era eretto il Castello di Ciliano a guardia dei confini tra i territori di Siena e Firenze. A seguito di cruente dispute fu incendiato nel 1202 dagli abitanti di Montepulciano. Attualmente vi si trova una chiesa e poche case rurali.

Attività

La bonifica della Valdichiana ad opera dell'architetto Fossombroni sotto il Granduca Leopoldo II di Toscana rese un grande beneficio a Torrita sviluppando una forte vocazione agricola sino ai primi anni del '900. Successivamente iniziò un processo di industrializzazione dovuto all'apertura delle miniere di lignite a Montefollonico ed alla nascita di industrie di laterizi.

Negli anni '50 si assiste allo spopolamento delle campagne ed alla nascita di una fiorente industria del mobile che è andata progressivamente scomparendo soppiantata dalla nascita di attività a livello artigianale e di piccola industria. 

I settori più dinamici sono quelli legati alla metalmeccanica ed alla produzione di terrecotte e ceramiche.

Torrita si propone anche come centro di interesse turistico per la bellezza del suo territorio e la vicinanza con mete di turismo rinomate come Pienza, Chianciano, Montepulciano
.