Sinalunga Il centro storico


  SINALUNGA
Cenni storici
Il centro storico
Arte
Personaggi
  TERRITORIO
Dove siamo
Le frazioni
Prodotti tipici
La razza chianina
  TEMPO LIBERO
Associazioni
Teatro
Sport
  FOTOGALLERY
Panorami
Paesaggi
  LA FILODRAMMATICA
La Filodrammatica di Sinalunga
Link
Contatti
 

Passeggiata a piedi per il centro storico .....

 

la  Collegiata
SINALUNGA affonda le sue origini nella notte dei tempi: i primi insediamenti etruschi  risalgono probabilmente al VII-VI secolo a.C. mentre in epoca romana (II sec. a.C.) erano presenti nell'attuale Pieve di Sinalunga. Nell' XI sec. il paese apparteneva ai Cacciaconti, ramo dei conti della Scialenga e Berardenga. Ai primi del '300 entrò a far parte dello Stato Senese e fu sede di Vicariato e di Capitanato di Giustizia. Per la sua posizione di confine subì assedi e devastazioni che culminarono con la demolizione della Rocca (ampliata e rafforzata da Gian Galeazzo Visconti nella seconda metà del sec. XV) ad opera di Ferdinando I° dei Medici, che ne ridusse prudenzialmente l'area a "pubblico passeggio" ancor oggi chiamato "il Cassero" e ne destinò i materiali all'edificazione della Collegiata di San Martino nell'attuale piazza Garibaldi.
Tra i monumenti pi¨ significativi possiamo citare la chiesa di Santa Maria delle Nevi (XVII sec.) e Santa Croce (XVII sec.) appartenente alla Confraternita di Misericordia. La chiesa di S.Lucia ,attualmente Auditorium, nel secolo X era il luogo di riunione del Consiglio della ComunitÓ che la tradizione chiama il Concionatorio.
Il Palazzo Pretorio (XIV sec.), edificato nella prima metÓ del sec. XIV con la facciata e la torre entrambe successivamente rifatte in cotto toscano. Era sede dell'autoritÓ civile. A lato della facciata conserva lo stemma mediceo e nella nicchia a destra la gogna cui venivano esposti i condannati dal tribunale.
Palazzo Pretorio
piazza_biancalana.jpg (61758 byte)
Di notevole interesse anche il centro storico ove Ŕ eretta la Colonna degli Editti (Marzocco 1558) e Piazza Biancalana, il cuore delle strette vie che sfociano poi in via Spadaforte, un tempo camminamento delle mura. Da qui si gode uno splendido panorama sulla Valdichiana. Ai piedi della ripida discesa di via delle Fonti da visitare la Fonte del Castagno (1265), unica fonte dell'antico castello medioevale.
teatro Ciro Pinsuti
In piazza XX settembre la Colonna degli Editti risalente all'epoca della dominazione medicea dopo il 1560. Il Teatro Comunale "Ciro Pinsuti", costruito nel 1797 dall'Accademia degli Smantellati è un piccolo gioiello del tardo settecento, di delicata fattura ed ottima acustica. Dedicato al maestro "Ciro Pinsuti" (1828-1888) musicista sinalunghese di chiara fama. Il teatro è stato recentemente restaurato ad opera dell'Amministrazione Comunale e riaperto al pubblico nell' aprile del 2002.

 
Colonna degli Editti

San Pietro ad Mensulas La Pieve di San Pietro ad Mensulas,  che per tradizione si dice fondata da San Donato vescovo di Arezzo nel IV sec., Ŕ una costruzione romanica a tre navate eretta sui resti di una mansio romana della via consolare Cassia. All'interno conserva due cippi sepolcrali romani ed un affresco della scuola di Guido Cozzarelli. approfondimento

Il Convento di S. Bernardino (XV sec.) posto sul colle di Poggio Baldino possiede bellissime tavole di Guiduccio Cozzarelli e Benvenuto di Giovanni; custodisce anche l'immagine della madonna del Rifugio, protettrice della Valdichiana. Nell'anno 2000 è stato meta Giubilare-approfondimenti.
Video

torna a sinalunga